La Biblioteca Comunale “Dino Tinti” di Melara (Rovigo)

organizza:

 

 

 

3 - 10 - 17 - 24 – 31 OTTOBRE 2008

ore 21.00, Scuola Primaria, Melara (Rovigo)

entrate nelle Vie Garibaldi / Marconi

 

Manifestazione aperta a tutti con ingresso gratuito

Eventuali variazioni di programma saranno comunicate su questa pagina Web

Per qualsiasi informazione sull'evento scrivere a: lux.ebe@tiscali.it

 

GUARDA LA LOCANDINA GENERALE DELLE CONFERENZE (PDF)

 

ENTI PROMOTORI

Per il quarto anno consecutivo, la Biblioteca Comunale “Dino Tinti” di Melara (Rovigo), con il patrocinio e il sostegno dell'Amministrazione Comunale di Melara, della Pro Loco di Melara e della Provincia di Rovigo, organizza nelle serate di venerdì 3, 10, 17, 24, 31 OTTOBRE 2008, a partire dalle ore 21 , presso la sede della Scuola Primaria di Melara (ingressi nelle Vie Garibaldi e Marconi) un ciclo di cinque conferenze sull'ufologia e i misteri dello spazio.

 

OBIETTIVI

Lo scopo di questa iniziativa culturale, tra le più importanti a livello regionale, è quello di affrontare con serietà, rigore scientifico e senza pregiudizi i temi più attuali della ricerca scientifica di frontiera nei campi archeologico, spaziale e ufologico. Sono molteplici e di grande interesse gli argomenti che verranno affrontati: dalle antiche profezie legate al 2012 e al calendario Maya alle Star Nations, dai fenomeni paranormali legati alle abductions ai guerrieri psichici, senza dimenticare gli inganni e le rivelazioni dei mass media in materia ufologica.

 

RELATORI

Nel corso delle cinque serate, presenzieranno importanti giornalisti investigativi, illustri docenti universitari, i migliori ufologi e scrittori del settore a livello internazionale come: ADRIANO FORGIONE di Roma che relazionerà su “2012: ANTICHE PROFEZIE RACCONTANO” (venerdì 3 ottobre 2008), MASSIMO FRATINI di Roma che interverrà su “STAR NATIONS: IL RITORNO DEI POPOLI DELLE STELLE” (venerdì 10 ottobre 2008), CORRADO MALANGA di Pisa che parlerà di “ABDUCTIONS E FENOMENI PARANORMALI” (venerdì 17 ottobre 2008), LAVINIA PALLOTTA di Roma che si occuperà di “GUERRIERI PSICHICI E CONTATTO ALIENO” (venerdì 24 ottobre 2008), PINO MORELLI di Pescara che relazionerà su “UFO: il grande inganno e la rivelazione dei media” (venerdì 31 ottobre 2008).

Nell'atrio della Scuola Primaria di Melara (Rovigo) verrà allestita, per il terzo anno consecutivo, una Mostra con fotografie, cartelloni, diagrammi e pagine originali di settimanali ( La Domenica del Corriere, La Tribuna Illustrata e L'Europeo ) degli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta, con incredibili notizie su oggetti volanti non identificati, avvistamenti di strane creature, misteri archeologici irrisolti, cerchi nel grano e molto altro ancora.

 

PROGRAMMA CONFERENZE - PROFILO BIOGRAFICO DEI RELATORI

 

VENERDI' 3 OTTOBRE 2008 (Ore 21.00)

Titolo della conferenza:

“2012: ANTICHE PROFEZIE RACCONTANO”

Relatore: ADRIANO FORGIONE (Roma).

Da oltre dieci anni si occupa di giornalismo investigativo in campo storico e archeologico. E' consulente fisso per la mostra itinerante UNSOLVED MYSTERIES e membro del Consiglio Direttivo della Great Pyramid of Giza Research Association (che ha sede in USA). Scrittore di successo, ha al suo attivo il saggio Scienza, Mistica e Alchimia dei Cerchi nel Grano (HERABooks 2006) alla sua terza edizione. Ha scritto, inoltre, i testi per i documentari sull'antico simbolismo egizio, La Via di Horus, e per Cerchi nel Grano, Messaggi tra cielo e terra, sull'enigma dei Crop Circles. Ha partecipato alla trasmissione televisiva Stargate su LA7 e ad alcune puntate di Misteri per Caso, condotto da Syusy Blady. Ospite di altri programmi televisivi a carattere generale sui temi di sua competenza, è spesso speaker ai principali convegni nazionali ed internazionali. E' stato già consulente per il programma Voyager condotto da Roberto Giacobbo su RAI 2.

Visita il blog di Adriano Forgione: http://ilblogdiadrianoforgione.myblog.it

 

 


VENERDI' 10 OTTOBRE 2008 (Ore 21.00)

Titolo della conferenza:

STAR NATIONS: IL RITORNO DEI POPOLI DELLE STELLE

Relatore: MASSIMO FRATINI (Roma).

Laureato in Diagnostica per Immagini e Radioterapia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Massimo Fratini lavora presso il Dipartimento di Scienze Radiologiche – Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.

Dal 1976 – 77, dopo un IR2 nella zona di Montesacro (Roma), si inizia ad interessare della tematica ufologica istituendo il primo gruppo di ricerca ufologico romano. Nel 1978-80 entra a far parte del Gruppo Nuova Luce (gruppi di ricerca Ufo – Sezione ufologica fiorentina) del Giornale dei Misteri e inizia a collaborare con la giornalista Enza Massa e l'ufologo Eufemio Del Buono. Nel 1980 inizia un'attiva collaborazione con il ricercatore archeologo David Davimport (amico di del Buono) sul mistero delle Atomiche di Mohenjo Daro. Nel 1990 Fonda Roma il CETI – Comunicazioni con Intelligenze Extraterrestri con circa 100 soci. Nel 1995, il CETI si trasforma in CISETI – Centro Studi Intelligenze ExtraTerrestri (150 soci). Nello stesso anno ('95) il CISETI organizza la prima Conferenza Internazionale dal titolo: XX° Secolo - La visita Extraterrestre tra i quali spiccavano come relatori: Maurizio Baiata, Robert Dean, Eufemio Del Buono, Roberto Pinotti, Roberto Doz, Corrado Malanga, Giorgio Bongiovanni, Giorgio di Bitonto. Presenti in sala 1200 persone con tutte le TV nazionali e locali. Insomma: un successo storico! Inizia un ciclo di 40 puntate su TV Locale TeleVita dal titolo: UFO - realtà extraterrestre Sempre nel 1995 Massimo Fratini entra a far parte del CUN e inizia a lavorare con Pinotti e Baiata presso la redazione delle riviste Dossier Alieni e Notiziario UFO. Organizza nel 1996 il Convegno Internazionale sui “Rapimenti Alieni”. Ospiti: Derrel Sims, Corrado Malanga, Philip Mantle, Travis Walton, Mario Cingolani, Maurizio Baiata, Fratini, Pinotti, Zanfretta. Presenti in sala 1400 persone. Sempre nel 1995 Massimo Fratini inizia ad apparire sulle TV locali e poi fa la sua apparizione al TG1 parlando dell'UFO di Tarquinia. Nel 1996 diventa consulente investigativo per la trasmissione Cronaca in Diretta (RAI2) diretta da David Sassoli e per la trasmissione UNO Mattina (RAI 1). Nel 1997, insieme al Centro Ufologico delle Svizzera Italiana, organizza un viaggio con incontro di Billy Meyer, famoso contattista svizzero. Durante il viaggio la macchina viene inseguita da due UFO, ripresi con la videocamera dallo stesso Fratini. Dopo l'incontro con Meyer, Fratini con al seguito membri del centro Ufologico Svizzero, avvistano un enorme UFO cilindrico in fase di atterraggio dietro una delle colline davanti l'abitazione di Meyer. Nel 1998 inizia ad apparire alla trasmissione Piazza Grande condotta da Magalli e successivamente, nel 1999, partecipa alla trasmissione “La macchina del Tempo” condotta da Cecchi Paone su Rete4 e al Maurizio Costanzo Show in due puntate. Nel 2002 congeda definitivamente il CISETI e inizia una serie di Conferenze come ricercatore indipendente. Fratini è stato Direttore Editoriale della rivista “Extraterrestre” e Direttore Responsabile della rivista “DNA Magazine” attualmente on-line.

Organizzatore del Convegno Internazionale “STARGATE 2012” e di “SIGNS” sui Crop Circle. Ha collaborato con la rivista mensile Area 51 e oggi dirige il Web Magazine “Segni dal Cielo”:
www.segnidalcielo.it

 


VENERDI' 17 OTTOBRE 2008 (Ore 21.00)

Titolo della conferenza:

ABDUCTIONS E FENOMENI PARANORMALI


Relatore: CORRADO MALANGA (Pisa).

Il professor Corrado Malanga, ricercatore e docente di Chimica presso l'Università di Pisa dal 1983, si interessa dell'esplorazione nel campo degli oggetti volanti non identificati da quarant'anni, durante i quali ha dapprima organizzato la ricerca per il Centro Ufologico Nazionale in qualità di responsabile del Comitato Tecnico Scientifico, proseguendo poi il suo lavoro come fondatore del GRUPPO STARGATE TOSCANA. E' stato columnist di importanti riviste di settore quali Notiziario UFO, UFO Network, Dossier Alieni, Stargate, Stargate Magazine, Area 51, nonché collaboratore di due opere enciclopediche sugli UFO. E' stato più volte invitato dai principali network radiotelevisivi italiani per dibattere il tema degli ET. Fra le più significative ricerche effettuate dal professor Malanga, ricordiamo gli studi sulle analisi al suolo di tracce di presunti UFO e gli studi sul fenomeno dei Crop Circle. E' autore de “I fenomeni BVM” (Mondadori) con R. Pinotti, “Gli UFO nella mente” (Bompiani) e Alien Cicatrix (e-book). I suoi articoli possono essere consultati in Internet sui siti:
www.ufomachine.org


www.sentistoria.org

Attualmente i suoi interessi sono rivolti alle problematiche legate ai Rapimenti Alieni (Abductions), che studia mediante tecniche di ipnosi regressiva e Programmazione Neuro Linguistica. A gennaio 2007, Corrado Malanga ha dato alle stampe “ALIENI O DEMONI. LA BATTAGLIA PER LA VITA ETERNA” presso Chiaraluna Edizioni: www.chiaralunaedizioni.it

“ALIENI O DEMONI” è il più aggiornato libro al mondo sulle abductions, scritto da un ricercatore vero, un eccellente investigatore in campo ufologico, uno studioso di grande spessore umano e scientifico che, per amore della Verità, non esita ad esporsi in prima persona in qualsiasi circostanza. Quest'opera di oltre quattrocento pagine, con all'interno le carte e i questionari per svolgere in autonomia tutti i test, rappresenta un'autentica rivoluzione nello studio delle abductions ed è una vera e propria pietra miliare che svela i segreti più inquietanti del complesso meccanismo dei rapimenti alieni, regalando al lettore preziosi spunti di riflessione inediti sulla natura dell'uomo e dell'Universo, a cui Malanga è giunto dopo quasi due decenni di studio, ipotesi e rettifiche.

 


 

VENERDI' 24 OTTOBRE 2008 (Ore 21)

Titolo della conferenza:

GUERRIERI PSICHICI E CONTATTO ALIENO

 

Relatore: LAVINIA PALLOTTA (Roma),

Dopo un periodo di associazionismo ufologico e la partecipazione, in qualità di ospite fisso con Carlo Sabadin, alla trasmissione su UFO e misteri di Radio Popolare "Il Triangolo dei Bermuda" condotta da Alberto Ruvolo, ha lavorato nella redazione del mensile Area 51, diretta da Maurizio Baiata e Pino Morelli. Attualmente è membro dell'Exopolitics Institute, creato e diretto da Michael Salla, PhD e collabora con la rivista on-line  www.dnamagazine.it  con articoli e traduzioni. Sostenitrice dell'ETH (Extraterrestrial Hypothesis), collabora con ricercatori UFO ed esopolitici italiani e internazionali nella lotta contro il cover-up e le menzogne che da 60 i governi di tutto il mondo raccontano per nascondere la verità sulla vita extraterrestre e le sue ripercussioni sulla storia della nostra civiltà.

Negli anni '70, in piena guerra fredda, Stati Uniti e Unione Sovietica finanziarono segretamente progetti di ricerca scientifica sulla "remote viewing", la visione a distanza, da utilizzare in operazioni di guerra e di spionaggio. Sotto la guida di scienziati come Harold Puthoff e Russel Targ, i cosiddetti guerrieri psichici svilupparono la capacità di visualizzare qualsiasi località, persona o cosa, indipendentemente dalla distanza, usufruendo semplicemente delle coordinate di latitudine e longitudine. Oggi gli scienziati americani a capo di questi progetti, e i sensitivi utilizzati per portarli avanti, raccontano apertamente delle loro esperienze, che spesso li ha messi in contatto con forme di vita non terrestri, che, secondo queste testimonianze, visitano il nostro pianeta da molto tempo. Una parte della relazione sarà dedicata alla connessione UFO-nucleare, supportata dalle testimonianze straordinarie di militari e civili.


Venerdì 24 ottobre 2008, dopo l´intervento di Lavinia Pallotta, è prevista la testimonianza del ricercatore indipendente di Bergamo Giuseppe Garofalo (Nucleo S.I.R.I.O) il quale presenterà i propri filmati esclusivi di UFO e fenomeni luminosi anomali.

Nel 1994, in seguito a delle foto scattate in Sicilia, nasce in Giuseppe Garofalo un profondissimo interesse per l´ufologia. Nel 1996 diventa collaboratore del CUN (Centro Ufologico Nazionale), si dedica con buoni risultati alla documentazione fotografica e raccolta di casi anche a livello personale, essendo testimone di diversi avvistamenti nella provincia di Bergamo, dove vive. Nel 1997 utilizza e approfondisce l'informatica, scrive articoli per la rivista Ufo-Network, entra nel Gruppo Star-Gate come collaboratore, sostenitore e diventa referente per la Lombardia.

Nel 1999 si interessa del caso Varghina grazie a dei contatti in Brasile. Nel 2001 organizza con amici una missione investigativa in Messico, precisamente a Tepoztlan, raccoglie dati e testimonianze, realizzando un filmato DGT  . N el primo giorno di permanenza nella capitale, incontra il gruppo dei Vigilanti del giornalista Jaimè Maussan, che lo porterà in un futuro prossimo ad organizzare in Italia uno stesso programma operativo territoriale. Nel 2002 diventa collaboratore e referente per la Lombardia dell'USAC (Centro Accademico di Studi Ufologici). Nel 2003 si occupa personalmente del Crop Circles di Melara (Rovigo), dell'atterraggio di Pellegra, del caso Urzì e Sibilla (Cinisello Balsamo), e di altri casi e misteri di grande interesse. Nel 2004 inizia una fase del tutto nuova nella panoramica personale: fonda un nucleo che denomina S.I.R.I.O. che si propone la collaborazione aperta, lo studio approfondito, la diffusione e la divulgazione del fenomeno e della realtà extraterrestre. Dal 2005 al 2008 compie una intensa attività investigativa territoriale, con appostamenti, osservazioni e studio diretto ed interattivo, con una enorme mole di fotografie DGT e diversi video.

Infine, nel marzo 2008, a Treviglio (Bergamo), dopo ripetuti appostamenti, Giuseppe Garofalo filma per un minuto e venti secondi un´incredibile flottiglia di sfere di luce caratterizzate da moto intelligente e armonico. L´eccezionale documento verrà successivamente ripreso dai principali Web Magazine ufologici italiani e stranieri e mandato in onda durante la trasmissione televisiva "Top - Secret", su Rete 4.


 

VENERDI' 31 OTTOBRE 2008 (Ore 21)

Titolo della conferenza:

UFO: IL GRANDE INGANNO E LA RIVELAZIONE DEI MEDIA

 

Relatore: PINO MORELLI (Pescara).

 

Autore del libro “UFO IMPACT”.

Direttore della rivista mensile “Area 51” dall'Ottobre 2005 al Febbraio 2008. Organizzatore di convegni e conferenze, tra cui “Il Contatto” (1997) con Philip Corso. Il suo blog http://pinomorelli.splinder.com è tra i siti più seguiti e frequentati in campo ufologico.

 

"UFO-EXTRATERRESTRI: IL GRANDE INGANNO DEI MEDIA - Analisi, retroscena, insabbiamento e rivelazioni sulla realtà ufologico/aliena, attraverso la visione del cinema e dei principali canali di intrattenimento e d'informazione televisiva". Il termine: «UFO». Un vocabolo che per molti, a tutt'oggi, è frutto solo di fantasie ma che, tuttavia, entrò presto nel linguaggio corrente della vita di qualsiasi appassionato del genere. Quando gli UFO della fiction approdarono in tv (la tivù in bianco e nero, ovviamente), anche la serie ambientata nella base SHADO entrò indissolubilmente nei ricordi di ognuno. Solo nel 1977, con il lancio di: “Incontri Ravvicinati del III Tipo” , la magia narrativa di Steven Spielberg e la dolcezza riposta dal regista nel descrivere gli ET contattati dagli umani, riempì finalmente il vuoto lasciato da precedenti visioni fantascientifiche condite di mostri e alieni invasori. Fu poi la volta dei cartoons di “Atlas UFO Robot” , che raffiguravano gli stessi dischi volanti delle foto del noto contattista George Adamski: ci domandavamo forse come fossero possibili simili analogie. Cercando di adattarci ad un pensiero costruttivo e serio nei confronti di un argomento come “Gli Alieni al Cinema” che, al contrario, dovrebbe solo far divertire, sorridere e distogliere, arriveremo forse al nocciolo della ricerca. Cospirazione fra gli studios di Hollywood? Sono solo scemenze. Dipende. Grazie a questa relazione di Pino Morelli, l'intenzione, è quella di affrontare un percorso massmediatico, teso a prospettarci delle verità latenti nella fabbrica del Cinema e della Televisione, penetrando direttamente nel fulcro di alcuni fra i numerosi temi affrontati nel campo della ricerca extraterrestre (UFO e alieni), che spesso ammiriamo nella cosiddetta «fiction» del grande e piccolo schermo. Il tutto, attraverso citazioni estratte da fonti più disparate.

Pino Morelli non si limiterà perciò soltanto a presentare per sommi capi alcune delle tappe fra i più famosi film «di cassetta», oppure i peggiori b–movies e del genere. Si affronterà un percorso più ampio, toccando anche il mondo dell'intrattenimento e dell'informazione (notiziari, documentari, dibattiti e talk–show), che secondo il percorso intrapreso dal relatore, raggiungono spesso livelli perfino più esagerati della fantascienza. La possibilità di strategie occulte operate da questi due potentissimi mezzi di comunicazione, ai danni oppure a vantaggio (secondo le circostanze) dello spettatore, è frequentemente citata nelle dichiarazioni di molti personaggi più o meno noti dello star–system, oppure da studiosi e appassionati della cosiddetta «ricerca di frontiera». Dobbiamo considerare perciò una serie d'elementi che, circoscritti e affrontati in toto, possono far riflettere criticamente sui contorti retroscena subliminali del mondo sci–fi cinematografico, e perfino su alcune strategie operate dai network televisivi attraverso strane «coincidenze», che destano parecchie perplessità, se solo osservate microscopicamente. L'intento è quello, insomma, di fare luce il più possibile sulle trame sospette che gravano attorno al problema UFO, attraverso i mezzi d'intrattenimento più conosciuti. Va rilevato altresì che la relazione poggia su una base, fondata anche da alcune «certezze» che non si barricano dietro a lacunose parafrasi, ai danni della sostanziale informazione.Potremmo partire ad esempio, dalla «certezza» che siamo visitati davvero da esseri extraterrestri provenienti dallo spazio esterno. Che esistano da sempre operazioni in corso per screditare il fenomeno UFO–alieni, sopravvissuto nonostante tutto, grazie e a causa di un impatto sociologico che non ha precedenti nella storia dell'uomo. Alcune vicende–chiave dell'ufologia classica (come ad esempio quella di Roswell), sono davvero accadute e non fanno minimamente, o soltanto parte dell'immaginario collettivo di ognuno di noi, come qualche esimio giornalista o scienziato vuol farci credere insistentemente. Chi non sarà d'accordo almeno su questi punti–cardine, difficilmente avrà la preferenza di scegliere altre eventuali chiavi di lettura, seppur da interpretare nel modo più aleatorio possibile. Val bene perciò, affrontare gli argomenti «a viso aperto» e, come già suggerito, tentare di avvicinarsi ad una lettura dell'argomento addizionata, perché no, da un pizzico di onesta fantasia: qui, non troveranno dimora né sottili doppi sensi, né tantomeno scelte ideologiche propagandistiche, politiche o addirittura religiose, provenienti da un retaggio culturale inquinato, malato o logorroico. Se è vero che, giocoforza, non si possono computare delle scelte «mirate» e definitive sul problema alieno (UFO sì perché, a quanto sembra, essi esistono!) è tuttavia palese, nei contenuti espressi da Pino Morelli, l'intenzione di manifestare atteggiamenti concreti nei riguardi del fenomeno extraterrestre, anche se talvolta è osservato da una prospettiva fantastica.

Questa relazione, è in realtà un “work in progress” maturato sin dal 1998, dopo la proposta di un mio articolo affidato alla rivista Dossier Alieni (ormai non più in edicola), con la quale Pino Morelli aveva già collaborato. Il pezzo, pubblicato nell'estate dello stesso anno, fu un trampolino di lancio per proseguire su questa strada. Lo slancio e l'entusiasmo definitivi, proseguirono a Ladispoli, durante una conferenza di successo. La relazione (divenuta poi articolo) sul caso “The Abyss” , proposta per la prima volta sia nella conferenza di Napoli (7 Dicembre 1996), come pure al Simposio di San Marino (nel Giugno '97), è stata ad esempio una sorta di biglietto da visita per rendere noto ad un folto pubblico, alcuni zampilli di quello che poi è stato il grande lavoro culminato nel libro UFO IMPACT!, pubblicato nel Settembre del 2002. Per l'autore del libro, oggi più di ieri è rimasta una ferma posizione positivista a riguardo della realtà sulla presenza extraterrestre nel nostro pianeta e nell'Universo, o quantomeno «neutrale». Il contenuto del libro, del resto, non muove i suoi passi cercando di scoprire se gli alieni siano buoni o cattivi, oppure quanto lo siano e in quale misura. Pensiamo ad esempio, ad alcune parole assai ricorrenti fra produttori e registi di film o documentari, ma anche frasi pronunciate da divulgatori ed esperti in genere che, in procinto di affrontare il tema «UFO» o «alieno» (nel senso di possibili creature non terrestri) prendono le dovute distanze, utilizzando come minimo, termini del tipo: «mitologia» (o mito) e «leggenda». Dal regista Steven Spielberg, allo scomparso divulgatore Carl Sagan, dal conduttore televisivo Piero Angela, agli astronomi Pacini e Hack, quasi tutti fra i più conosciuti personaggi dall'entertainmnent scientifico–divulgativo sono concordi nell'usare «sentenze ufficiali» o dispregiativi aggettivi, da accompagnare all'ufologia. Scommettiamo che pochi conoscono a memoria, il significato di questi termini?

Per cui, armati di “Dizionario della Lingua Italiana”, approfondiamo all'istante…

 

•  Mito: fatto esemplarmente idealizzato in corrispondenza di una carica d'eccezionale e diffusa partecipazione fantastica o religiosa. Quanto, pur concettualmente valido, sembri destinato a non trovare riscontro nella realtà effettuale… .

•  Mitologia: l'insieme delle elaborazioni relative all'ambito fantastico o religioso di una determinata tradizione culturale.

•  Leggenda: racconto di argomento per lo più religioso o eroico, i cui fatti e personaggi, quando non siano immaginari, risultano amplificati e alterati dalla fantasia e dalla tradizione, in una duplice esigenza di esaltazione o di esemplarità.

 

Sembrano essere questi, vocaboli coniati apposta per i detrattori dell'ufologia! A meno che, oggi, non subentri una nuova concezione sullo studio dell'argomento, quello giammai basato su testimonianze d'ubriaconi, o gente fra le nuvole (come sostengono alcuni di questi «esperti»), bensì da seri testimoni, talvolta perfino da cameraman, professionisti o dilettanti, che da tempo ormai, offrono centinaia di prove UFO filmate, senza trovare però risposte consone alla loro importanza storico–divulgativa. La porzione sottolineata nel vocabolo «mito», spezza involontariamente una lancia a favore di queste incredibili riprese video. Perché, un filmato UFO accertato non contraffatto, “pur concettualmente valido, sembra destinato a non trovare riscontro nella realtà effettuale” . Per forza: si tratta di un UFO , non di mosche! E poi: un UFO pilotato da extraterrestri, non dovrebbe certo appartenere alla realtà effettuale…

Se è quasi certo perciò che esistono prove storiche, fotografiche e filmate, almeno di astronavi presumibilmente extraterrestri e, se esiste di certo una cosiddetta «congiura del silenzio», o politica di cover–up (un debunking per non rivelare appieno la realtà sugli UFO), domandiamoci pure, se l'entertainment cinematografico, la divulgazione scientifica televisiva e i mass media, non giochino a favore di queste possibilità. Se allora, riuscissimo a scoprire che quelle centinaia di filmati UFO ripresi in tutto il mondo, sono soltanto d'origine terrestre (cioè corpi celesti meno noti in astronomia, oppure modelli di velivoli terrestri Top Secret), ci troveremmo di fronte ad un nuovo sottobosco «pulp» amatoriale, più forte della fiction stessa. Anche per questo Morelli propone di affrontare nella sua relazione, un viaggio attraverso l'intero arco del cinema di fantascienza rimpinzato a base d'alieni e dischi volanti, per cercare di comprendere ad illusione avvenuta, quanto i dilettanti dell'home–video possano aver superato logisticamente, i maestri della fiction televisiva o cinematografica. Tra l'altro non ci sorprende costatare che, oggigiorno, le burle in Internet (vedi recentemente il fenomeno di You Tube) si moltiplicano continuamente, avendo notato per esempio, immagini di fantocci alieni spacciati per autentici, o «UFO» di cartone, scambiati per dischi volanti in ricognizione. Non è sempre così, per fortuna. La verità è celata sempre dietro altre identità, oppure spesso, anche dietro una meschina montatura. In che modo riusciremmo, dunque, a distinguere e valutare nello specifico, il vero dal falso, la realtà dalle storielle, i fatti veri da impavide sceneggiature? Dove andranno a finire i veri X Files sugli avvistamenti più interessanti del secolo appena trascorso? Ecco la spiegazione che racchiude (o se vogliamo, giustifica) il significato di un connubio, imbarazzante e scomodo, ma non meno pertinente, fra ufologia investigativa e fiction. Attraverso piccole storie, cenni di cronaca e voci spesso attendibili, Morelli ha collezionato una serie di prove (si accetteranno anche provocazione «supposizioni», ma la sostanza non cambierà…) le quali comproverebbero ciò che avrete modo di assistere. La sensibilità verso la scoperta di nuove idee, anche fantasiose, dovrebbe sorreggere sempre ciascuno di noi, attraverso la riscoperta dell'inconscio e delle bellezze del creato, qualunque esse siano. Credere agli extraterrestri, in fondo, non è più oggi come credere a Babbo Natale. Non date ascolto, a chi fa del proprio senso pratico, l'unica ragione di vita! L'augurio da parte di Morelli è di poter contribuire a suscitare, con questa relazione ed il suo libro, un rinnovato senso di comprensione su alcune contraddizioni della fiction, della tivù divulgativa e del restante universo massmediatico, in pertinente antagonismo con gli spettri dell'autentica e verace ricerca ufologica.

Visita il blog di Pino Morelli: www.pinomorelli.splinder.com


 

PER ARRIVARE A MELARA: NOTIZIE UTILI

Il Comune di Melara si trova in Provincia di Rovigo, Regione Veneto. Inserito nella Pianura Padana, è interamente lambito dal Fiume Po. Confina con i comuni di Bergantino (Rovigo), Ostiglia (Mantova), Cerea (Verona) e Borgofranco sul Po (Mantova).

 

VISUALIZZA LA CARTINA PER ARRIVARE A MELARA

 

NOTIZIE UTILI

 

Per qualsiasi informazione sulle conferenze “Misteri dallo spazio” e per essere costantemente aggiornati sui prossimi appuntamenti culturali della Biblioteca Comunale “Dino Tinti” di Melara (Rovigo) scrivere a:  nico_tes2000@libero.it oppure  a lux.ebe@tiscali.it

Presidente della Biblioteca Comunale "Dino Tinti"
prof. Mauro Rossi: 393.21.98.537 (cellulare)

dott. Nicola Testoni (cellulare: 339.42.72.197)
Posta elettronica: nico_tes2000@libero.it

Biblioteca Comunale ‘Dino Tinti'
Via Giuseppe Garibaldi, Melara (Rovigo)
Telefono: 0425.801026
Orari di apertura al pubblico:
lunedì, martedì e giovedì dalle 15 alle 18.30
Bibliotecaria: dott.ssa Amanda Vallini

 

RISTORAZIONE E PERNOTTAMENTO:

BED & BREAKFAST "LE TORTORE"
di Edi Calzolari, Via Sani n. 27
45037 Melara (Rovigo)
Telefono: 0425/89448
Cellulare: 3408924300
Posta Elettronica: 3di@libero.it
Sito Internet: www.letortore.it

PIZZERIA DA ASPORTO "OK PIZZA"
Via Garibaldi 21, Melara (Rovigo)
Telefono:0425/801084
Orari: dalle 17 alle 22
Chiuso per turno: lunedì e martedì

BAR TRATTORIA "LA NAVE"
Via Garibaldi 32, Melara (Rovigo)
Telefono:0425/89068

PIZZERIA "ARA MELLIS"
Via Nino Bixio 6, Melara (Rovigo)
Telefono: 0425/89029

AGRITURISMO "CA' DEL NONNO"
Via Corno, Melara (Rovigo)
Telefono: 0425/89785

 

Si ringraziano i seguenti sponsor:

BIANCARDI: abbigliamento e intimo donna e uomo. Piazza XX Settembre 21, Melara (Rovigo) - Telefono: 0425/89214

PIZZERIA DA ASPORTO OK PIZZA
: Via Garibaldi, Melara - Telefono: 0425/801084

PARENTE FIREWORKS
: Via Oberdan, Melara - Telefono 0425/89035 - Sito Web: www.parente.it

GRUPPO SAI FONDIARIA: Agenzia di Ostiglia, agente generale Giuseppe Monesi, Piazza Garibaldi 15, Ostiglia (Mantova), telefono e fax 0386/862650

 

Si ringraziano i siti Internet,

i quotidiani, i periodici,

le agenzie di stampa e le radio

che hanno pubblicizzato

e pubblicizzeranno l'evento.